On Renaissance and daily melancholy

“Il mio segreto è una memoria che agisce a volte per terribilità. Isolata, immobile, sul punto di scattare, sto al centro di correnti vorticose che girano a spirali in questa stanza dove i miei cento orologi sgranano battiti diversi in diversi timbri. Se alzo il capo li vedo fiammeggiare, e ad ogni tocco di fuoco corrisponde un’immagine. Sempre sono trascinata fuori di me dalla tempesta di vivere. Che cosa è il tempo, e perché deve considerarsi passato? Fino a quando viviamo esiste un solo tempo, il presente. Una forza struggente mi prende alle viscere: costruttiva o devastatrice non mi è dato di sapere; è senza regola, almeno apparente.” Rinascimento privato, Maria Bellonci

Images from last spring photo-shoot with the lovely Leonie as model and the talented Meg Wakefield as make up artist.

©2019 Flavia Catena

Leonie_June2019_FlaviaC_04riLeonie_June2019_FlaviaC_02riLeonie_June2019_FlaviaC_05riLeonie_June2019_FlaviaC_07riLeonie_June2019_FlaviaC_08riLeonie_June2019_FlaviaC_09riLeonie_June2019_FlaviaC_06riLeonie_June2019_FlaviaC_10riLeonie_June2019_FlaviaC_11riLeonie_June2019_FlaviaC_14ri

Mirror

“For I do not exist: there exist but the thousands of mirrors that reflect me. With every acquaintance I make, the population of phantoms resembling me increases. Somewhere they live, somewhere they multiply. I alone do not exist.” Vladimir Nabokov

Working with reflections, dreams and delusions with the sweet Marlena.

DSC_1416riDSC_1430riDSC_1387riDSC_1453riDSC_1459riDSC_1464rDSC_1485riDSC_1508ri