A story from our time – La folla

There are days I fear the sun will never set and I will find myself trapped in a never ending loop of fears, boredom, despair and nostalgia, but some days are on the contrary too short for all the things I would like to do. I suppose these are feelings we are all having while isolated at home with the world outside fighting the invisible enemy.

When I wake up in the morning, I take a few minutes to reflect on how to spend the hours ahead, if working on my photography business, in the way I can, if reading all the books I could not finish in these past months, if studying all the things I have not even studied during my University years, or if writing, collecting present impressions, reviving past ideas, and letting my imagination free, which means to create just for the sake of it, and to be happy in the moment. Well, the short story I am sharing with you today (I am very sorry, but it is just for the Italian readers!) was not something I had thought about for very long, but rather something I used to contain the emotions of the time we live in.

Below are also some recent photographs done in collaboration with fashion designer Bianca Elgar and with beautiful model Opor Kunk.

La folla

  L’uomo aspettò che la folla si fosse dissipata prima di rimettersi in cammino. Così qualcuno incrociato per strada gli aveva detto di fare, e lui, senza porsi alcuna domanda, aveva seguito il consiglio.
La piazza fumava di sole, e la luce che rimbalzava dalle finestre dei palazzi rendeva abbagliante anche l’aria. Seduto all’ombra di una grande statua il cui volto brunito e consumato dal tempo appariva ormai irriconoscibile, l’uomo seguiva con gli occhi la scia d’ombra lasciata dall’ultimo gruppetto di donne che gli era passato davanti. Erano in cinque, tutte vestite di bianco, ampi cappelli di paglia stretti sulle tempie, e sandali slargati, di quelli che alleggeriscono la stanchezza dei piedi e danno sfogo ai gonfiori delle caviglie. Dal modo in cui si guardavano intorno, fotografando con gli occhi, laddove prive di altri mezzi, la bellezza che si lasciavano alle spalle, si capiva che quella fosse la loro prima volta in città.
Senza fretta l’uomo si mosse dal suo angolo d’ombra dopo averle viste sfociare rumorosamente nelle stradine intorno alla piazza. Casa sua non era molto distante; poteva vederla, spingendo lo sguardo attraverso l’arco di mattoni che dalla chiesa dei gesuiti, costeggiando un sentiero fitto d’alberi, portava a un cortile raccolto e da lì al quartiere in cui aveva sempre vissuto, in cui erano nate sua madre e sua nonna, e in cui entrambe, sotto i suoi grandi occhi verdi, se n’erano andate diversi anni prima.
Aveva ormai quasi raggiunto la chiesa e l’arco, quando un nuovo gruppo, misto di uomini e donne, gli sciamò davanti. In realtà, non si capiva neanche esattamente da dove venissero tutte quelle persone; pareva uscissero da ogni anfratto della terra e calassero insieme a ogni raggio di sole scoccato dal cielo, moltiplicandosi una volta raggiunto il suolo. Di colpo, la porta della chiesa si aprì, e pure da quella ne sgusciarono una trentina, forse di più. L’uomo cercò di contarli, ma perse il filo. La sua bocca secca faceva fatica a scandire anche un solo numero, e la sua mente, silenziata dallo stupore, ne era altrettanto incapace.
“Tieniti lontano dalla folla!”. Le parole udite poco prima da uno sconosciuto gli risuonarono alle orecchie.
Pur non riuscendo a immaginare la ragione che stava dietro a quel monito, l’uomo sentì improvvisamente di essere davvero in pericolo. Fu come una premonizione, qualcosa a cui la sua mente e il suo cuore reagirono in contemporanea. Allora spinse gli occhi oltre la folla, verso quei rari, sfuocati punti in cui il cemento della città tornava a vincere sul brulicare dei corpi molli, pigiati tra loro, gonfi di sole e risate incontrollabili. Se avesse aspettato di capire in che direzione ciascuno dei gruppi si sarebbe mosso, forse avrebbe potuto precederne gli ultimi passi e trovare una via di fuga nel mezzo di quelli.
Solo che l’attesa, quella volta, si dimostrò più difficile di quanto avesse sperato. La folla raddoppiò, triplicò in volume. La gente prese a calarsi dalle finestre, dalle terrazze, urlando come scimmie, per poi atterrare sul marciapiede senza neanche un graffio e con sul viso l’espressione serafica di un bambino che si è appena risvegliato da un sonno ristoratore. Anche le saracinesche delle botteghe chiuse si aprirono, e donne statuarie, rotonde, talune flaccide, iniziarono a sfilare sul marciapiede di fronte. In braccio ad alcune c’erano neonati che i loro ventri molli sembravano aver partorito da poco; altre, invece, stringevano filoni di pane come mazzi di fiori, facendoli odorare alle compagne intorno.
In men che non si dica, l’uomo, stordito dal frastuono e confuso, si trovò circondato, e capì che evitare la folla fosse non solo impossibile quanto pericoloso. Avrebbe dovuto andarle contro, remare in direzione opposta alle onde, quando l’unica scelta possibile, a quel punto, sembrava di seguirla o addirittura abbandonarsene. Spinse dunque lo sguardo verso il cielo, come per prendere fiato, e quando una raggiera di visi gli si parò davanti, sostituendosi alle nuvole, allora iniziò a correre, a scansare le braccia che gli calavano addosso, i petti che lo spingevano, i piedi contro cui i suoi talloni si trovavano a sbattere, e a schermarsi con un fazzoletto di stoffa dagli spruzzi di saliva che lo bagnavano e offendevano. In pochi minuti il rumore dei corpi ammassati, il caldo emanato da quelli che si sommava al caldo della giornata, l’aria rimbombante di parole incomprensibili, forse attinte a lingue diverse, sovrastò del tutto l’assediato che così cadde.
La folla, proprio quella da cui avrebbe dovuto tenersi lontano, lo travolse, e non ci fu modo, per lui, di rialzarsi, se non a sera, dopo che il mondo intero gli fu passato addosso, egoista, cieco, irrefrenabile. La prima cosa su cui i suoi occhi andarono a posarsi allora fu la chiesa, poi l’arco di mattoni, e giù in fondo la sua casa. La luce dello studio era accesa. Ebbe la sensazione che dall’altra parte ci fosse la moglie che, come ogni giorno, ordinava i libri che lui aveva lasciato sparpagliati sulla scrivania. Avrebbe voluto chiamarla, pur sapendo che non sarebbe mai riuscita a sentirlo, ma la sua voce, già prima fioca, gli rimase intrappolata in gola. Si alzò; respirava a fatica, e anche il suo respiro non produceva suono.
Costeggiati i negozi chiusi, si specchiò su ciascuna delle loro vetrine, e in quel momento lo vide. Vide, in carne ed ossa, il motivo per cui avrebbe dovuto evitare a tutti i costi quell’orda senza controllo. Un uomo che non gli somigliava più storceva la bocca sul riflesso del vetro; sembrava quasi avesse una maschera cucita sulla carne, impossibile da togliere. I suoi capelli erano passati dal grigio al bianco candido, la sua pelle si era raggrinzita, rughe profonde, spesse, avevano allentato le sue guance, e tolto mobilità alle sue mani. Il sangue affiorava già alle sue labbra.
Pensò allora alla moglie, ed ebbe paura che lei non lo avrebbe riconosciuto, o che addirittura non avrebbe fatto in tempo a raggiungerla, a dirle addio. La luce accesa nel suo studio si era fatta più fioca; sembrava lontanissima, lontana la casa, lontana la città stessa. Restavano una piazza vuota e un cielo insolitamente stellato.

©2020 Flavia Catena

FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_01FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_18FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_02Opor_BiancaElgar_FlaviaCatena_05FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_03FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_04FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_05FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_06FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_07FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_08FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_09FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_10FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_11FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_12FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_13FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_14FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_15FashionPhotography_BiancaElgar_FlaviaCatena_16

Beate – Bianca Elgar’s Collection

“Whatever circumstances arise, do not plunge into either elation or misery, but stay free and comfortable in unshakeable serenity… and just as the sun shines freely through space, your compassion cannot fail to shine on all beings.”, a Tibetan saying, from the memoir of Beate Howitt, the beautiful, inspiring lady you can see in the photos below (I will probably dedicate another post to her amazing life, so stay tuned!). I had the big pleasure to know her and photograph her as muse of Bianca Elgar, a talented fashion and home designer based in Oxford (we recently found out we are also neighbours!). The cheerfulness of Beate, on set, was contagious, and the all team had so much fun while taking these photos that I will remember the day as one of the best of my photography year. Note: all the smiles and laughs you’ll see were totally spontaneous!

Model: Beate Howitt; Designer: Bianca Elgar (www.biancaelgar.com)

©2018 Flavia Catena

Beate_BiancaElgarFlaviaC_05Beate_BiancaElgarFlaviaC_04Beate_BiancaElgarFlaviaC_01Beate_BiancaElgarFlaviaC_09Beate_BiancaElgarFlaviaC_10Beate_BiancaElgarFlaviaC_15Beate_BiancaElgarFlaviaC_18Beate_BiancaElgarFlaviaC_20Beate_BiancaElgarFlaviaC_23Beate_BiancaElgarFlaviaC_27Beate_BiancaElgarFlaviaC_31Beate_BiancaElgarFlaviaC_29Beate_BiancaElgarFlaviaC_35Beate_BiancaElgarFlaviaC_36Beate_BiancaElgarFlaviaC_39

 

The sky’s daughter

“They say the sky is the same everywhere. Travellers, the shipwrecked, exiles, and the dying draw comfort from the thought, and no doubt if you are of a mystical tendency, consolation, and even explanation, shower down from the unbroken surface.” Virginia Woolf, Jacob’s Room

A fashion story I have worked on in collaboration with model Natasha Samsara, stylist LadyHunterxo and hair and make up artist Laura Onea. Really in love with these photos!

©2018 Flavia Catena

Sky_01Sky_02_2Sky_02DSC_8803riDSC_8816ri.jpgDSC_9005riSky_03Sky_04Sky_05Sky_06Sky_07DSC_9168ro.jpgSky_08Sky_09Sky_10DSC_9354ri.jpgSky_11Sky_12Sky_13Sky_14

The forest girl

A rainy enchanted forest, a misty horizon, and a girl, white delicate skin and red cheeks, who walks wearing an embroidered cape and a long magic dress where flowers bloom around gold yarns. I see silent dreams follow her steps.

Model: Harriet Russell / Stylist: Tia Oguri / Make up artist: Daisy Oldershaw / Designer: Daisy Miller

©2018 Flavia Catena

Harriet_FlaviaC_01riHarriet_FlaviaC_07riHarriet_FlaviaC_08riHarriet_FlaviaC_13riHarriet_FlaviaC_14riHarriet_FlaviaC_15riHarriet_FlaviaC_20riHarriet_FlaviaC_17riHarriet_FlaviaC_21riHarriet_FlaviaC_24riHarriet_FlaviaC_25riHarriet_FlaviaC_26riHarriet_FlaviaC_27riHarriet_FlaviaC_29riHarriet_FlaviaC_30riHarriet_FlaviaC_23riHarriet_FlaviaC_32ri

 

Made for change

Image

Simona Donadio and Carlotta Redaelli are two young fashion-designer from Meda (Milan) who put hopes and dreams in the organic fabrics and materials, launching a new fashion brand “Made for change”. After graduating at NABA (the New Fine Art Academy of Milan), they decided to open an atelier and to start working on their project. The two friends design and sew the clothes; they use bamboo and cereal fabrics as well as organic wool and cotton both for t-shirts and coats, elegant dresses and accessories. Each material is strictly controlled to guarantee its quality and the dye utilized is low environmental impact. Shop bags are made by recycled paper and, if this is not enough, think that even scrap materials are assembled to realize glamour bracelets.

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image